Web Agency DOWEB
DOWEB Numero Verde

Ufficio

Piazza Buccari 30/a, 37141 Verona

Scritto in data
martedì 25 febbraio 2020
Tempo per la lettura
5 minuti
Condividi

Il Link Juice è di fondamentale importanza per una corretta strategia SEO. Ottimizzare i link presenti nel nostro sito ci permette di migliorare la user experience e di posizionarci al meglio tra le SERP. Vediamo più da vicino di cosa si tratta e com'è meglio gestirla.

Link Juice è un'espressione che, letteralmente significa Succo di link che viene utilizzata per l'indicazione dei valori che vengono acquisiti dai siti internet nel momento in cui ricevono dei link o li danno mediante i link in uscita.

La Link Juice indica il numero di link che si trovano tra le pagine di un sito internet. Tramite questo valore riusciamo a comprendere quella che è la capacità del nostro portale di portare autorevolezza agli altri siti valutando se questa è più o meno concentrata. Per fare un esempio pratico, possiamo paragonare la link juice ad un serbatoio da cui escono i "liquidi" dovuti ai link in uscita e da cui, invece, entrano quelli derivanti dai link in entrata. Analizzando correttamente le performances del sito possiamo comprendere come sono diluiti i vari parametri, quale tra loro influisce maggiormente e se siamo in grado di apportare autorevolezza ai siti che linkiamo tra le nostre pagine.


Un passo indietro, cos'è esattamente un link e perché è così importante

Facciamo un attimo una sosta e soffermiamoci sulla parola link. Quante volte ne abbiamo sentito parlare, ma sappiamo davvero di cosa si tratta e qual è la vera utilità di questo elemento? Molto probabilmente non fino in fondo! Google stesso ha tenuto a ribadire come un link sia un fattore di ranking tra i più importanti in assoluto. I link sono collegamenti ipertestuali ovvero dei "ponti" che si vanno a creare tra due pagine internet. La sua importanza la si comprende sin da subito.

Dato che internet è una rete, non vi sarebbe alcuna rete se non esistessero i collegamenti tra i vari siti che formerebbero, per l'appunto, la rete stessa. I contenuti, senza la presenza dei link, sarebbero addirittura di facile ritrovamento. Ecco perché gestire nella maniera migliore questi elementi è importante in ottica SEO ed ecco perché proprio il link juice non deve essere trascurato in fase di ottimizzazione di un sito internet.

Comprendere come misurare correttamente la link juice è molto importante

Sono in molti a non sapere che i link che si trovano all'interno dei siti internet sono in grado di assumere un peso specifico e lo danno, a loro volta, ai siti in cui sono inseriti.

In sostanza, possiamo affermare tranquillamente che ad un numero minore di link presenti tra le pagine di un sito corrisponde una maggiore forza degli stessi. In pratica, se nel nostro sito abbiamo 50 link (e tra questi dobbiamo contare tutti, ma proprio tutti, i link) dovremo valutare la forza del sito stesso distribuendola tra i vari link. All'aumentare di questi la forza diminuisce e non è facile comprendere il perché. È un po' come versare il contenuto di una bottiglia in più bicchieri. Questi risulteranno più pieni se utilizzeremo 3 bicchieri mentre utilizzandone 6 risulteranno più vuoti.

Un numero minore di link, inoltre, viene preso maggiormente in considerazione dai motori di ricerca dal momento che Google ha una preferenza per i siti con pochi collegamenti ma buoni rispetto a quelli con tanti link di scarso valore. Una buona strategia di link building in ottica SEO, quindi, si basa sull'evitare ogni link ritenuto superfluo e sull'inserimento dei soli link validi e utili agli utenti.

Immaginiamo il nostro sito internet come un hotel: chi ci visita e trascorre un po' di tempo tra le nostre pagine lo fa per ricercare qualche informazione e poi va via. Se si è trovato bene, di certo, tornerà a farci visita, se al contrario non si è trovato bene o si è perso nel nostro disordine non tornerà più.

Come funziona il link juice

Tutte le pagine che ricevono link in ingresso accumulano un determinato valore e sono, proprio per questo, a loro volta in grado di trasmetterne una parte ad altri siti web verso cui puntano. Risulta di fondamentale importanza, però, essere a conoscenza del fatto che non tutte le pagine portano gli stessi valori dal momento che le fonti contano moltissimo.
L'accumulo di "juice", ovvero di succo, non è immediato e richiede tanto lavoro e diverso tempo per essere a livelli soddisfacenti. Si tratta, poi, di una strategia molto dinamica in cui ogni partecipante entra in gioco nel momento in cui linka altre risorse. Con il tempo si raggiunge la giusta autorevolezza senza dimenticare, tra l'altro, che rimangono indispensabili contenuti unici e qualitativamente elevati. E, raggiunta la giusta credibilità, saremo anche in grado di trasferire un valore maggiore attraverso i contenuti linkati con effetto retroattivo. Questo significa che anche i collegamenti che abbiamo aggiunto prima di incrementare la nostra autorevolezza sul web accresceranno, in automatico, il proprio valore.

Per quale motivo il link juice è così importante per i motori di ricerca

Abbiamo anticipato che il principio del link juice e tutto quel che esso comporta è un fattore molto importante per Google e per tutti i motori di ricerca in generale. Sappiamo, infatti, che internet è sempre più pieno di pagine che vanno a trattare le argomentazioni più disparate ma simili tra di loro. Se proviamo ad effettuare una ricerca su Google ci accorgeremo subito che, immediatamente sotto la barra di ricerca, comparirà un numero che ci indica quanti risultati sono stati in media trovati per la query che abbiamo appena inserito. Insomma, andremo a conoscere il numero di risultati che compongono le SERP anche se i più rilevanti e pertinenti si troveranno indubbiamente nelle primissime posizioni (o pagine).

In ogni caso, maggiore è il numero delle pagine in competizione per la medesima parola chiave, più complicato sarà per i motori di ricerca stabilire quali siano quelle con i risultati migliori. In una situazione come questa, è proprio il link juice che viene in aiuto a Google. I cosiddetti backlink, infatti, serviranno a dare una corretta valutazione di tutti i contenuti. Ecco perché la link popularity è un fattore importantissimo per i motori di ricerca dato che va pienamente ad agire sul ranking e sul posizionamento delle varie pagine e dei vari siti. Alla base di tutto vi è una sola logica: più una pagina è linkata da altri portali maggiori sono le possibilità che i suoi contenuti siano più rilevanti. È vero, infatti, che più pagine possono trattare gli stessi argomenti. È altrettanto vero, però, che solo i link in entrata possono stabilire quale tra esse merita maggiore attenzione perché più autorevole.

Come viene valutato il link juice dei backlink

Detto questo, siamo dunque in grado di definire il modo in cui viene valutato il link juice dei backlink? La risposta non è semplice! Difatti non siamo in possesso di formule magiche che ci permettono di misurare il valore dei link. Le variabili che entrano a far parte del gioco possono essere, infatti, molteplici e questo avviene soprattutto a causa della fortissima dinamicità che contraddistingue il web. Nonostante questo, comunque, possiamo identificare almeno 3 ambiti a cui far risalire i fattori che influiscono sulla valutazione del link juice, ovvero:
  • la pagina di provenienza dei link dal momento che i contenuti che gli utenti troveranno in essa devono essere quanto più possibili pertinenti con quelli del nostro sito internet. La posizione del link, poi, ha un'importanza strategica dal momento che, di norma, quelli posizionati nel footer, nel menù, nella sidebar e nell'heade hanno una pertinenza inferiore ed apportano, proprio per questo, minor valore.
  • Non è solo la pagina a dover essere studiata ma anche l'intero sito a cui appartiene. Possiamo farci un'idea utilizzando alcune strumentazioni che sfruttano l'indice di authority dei vari portali web. Più un sito di provenienza è autorevole maggiore sarà, naturalmente, il valore apportato.
  • L'anchor text, benché possa sembrare un elemento da sottovalutare, è altrettanto importante. I testi a cui sono associati i vari link sono rilevanti. In genere è preferibile linkare su delle specifiche parole chiave e non utilizzare, come troppo spesso si vede, delle locuzioni generiche come "clicca qui" o simili. I link, inoltre, possono essere dofollow o nofollow e questo andrà ad influire anche sul valore apportato. Entrambi vengono utilizzati dai motori di ricerca per comprendere se vale la pena seguire o meno un collegamento. Un modo molto efficace di proteggersi dallo sperperare il proprio valore con l'associazione a siti ritenuti di scarsa qualità o pertinenza. Ricevere backlink da siti spam, ad esempio, è pericoloso e controproducente rendendo necessaria un'immediata corsa ai ripari.
Contattaci per maggiori informazioni

Come gestire correttamente il link juice

Lavorare per la corretta gestione del link juice è importante per ottenere il miglior posizionamento per il nostro sito internet. E ci sono diverse modalità per farlo al meglio. Esiste, infatti, la modalità diretta con cui si pianifica una strategia di link building interna (così come l'ottimizzazione) e quella indiretta con cui si creano e curano i propri contenuti in maniera da spronare terzi ad interagire con noi. Lo si può fare, ad esempio, condividendo i post sui social network o commentando i link che si ritengono più opportuni.

La gestione dei link interni

Ottimizzare al meglio i nostri link interni è molto importante. Solo così facendo, infatti, riusciamo a garantire una diffusione migliorata di link juice verso ogni singola pagina del nostro sito. Di norma, le pagine con le più alte concentrazioni di equity sono le homepage. Visto e considerato che sul web esistono le strutture gerarchiche e che, proprio dalla homepage il link juice va a distribuirsi verso le altre pagine, dobbiamo garantire il miglior fluire di equity ovvero dobbiamo andare a dividere tra le varie pagine l'autorevolezza del nostro portale rafforzandolo.

Anche i menù di navigazione sono costituiti da vari link che vanno a rimandare a varie sezioni interne al sito stesso. Nell'attuare la nostra strategia di link building dobbiamo cercare di spingere le pagine che riteniamo valga la pena spingere perché più meritevoli rispetto ad altre. E questo non vale soltanto per un vantaggio sul piano tecnico. Anche l'esperienza utente, infatti, ne trae molto giovamento. Tramite la gestione corretta dei link interni del nostro sito, siamo perfettamente in grado di portare, attraverso una migliorata user experience, i nostri visitatori proprio dove desideriamo. Può trattarsi di una determinata pagina del sito così come anche di un'azione finale da eseguire (come ad esempio una possibile iscrizione alla newsletter o la finalizzazione di un acquisto).

Detto questo, com'è meglio distribuire il link juice interno? La risposta non è semplice ma, se compresa fino in fondo, può portare notevoli risultati in termini di posizionamento e di conversione. Ottimizzare il link juice significa, essenzialmente, riuscire ad analizzare nella maniera migliore la keyword e le relative parole correlate. In questo modo siamo in grado di procedere con l'individuazione degli argomenti che hanno un nesso tra loro e che possono, dunque, essere collegati tra loro per l'appunto con un link.
Nello scegliere l'anchor text (ovvero la parte cliccabile del link stesso) è importante non focalizzarsi solo sulla parola chiave. Un comportamento di questo tipo, infatti, potrebbe essere mal interpretato da Google e dai motori di ricerca che potrebbero riscontrarvi un tentativo di spam. Meglio, invece, concentrarsi sulle parole correlate alla keyword o utilizzare dei sinonimi della stessa.

La gestione dei link esterni

Se la gestione dei link interni del sito web è importante, possiamo certamente dire altrettanto per quanto riguarda quella dei link esterni. Tra le due, però, vi sono delle notevoli differenze che vanno assolutamente prese in considerazione.

Se, infatti, per i link interni ci concentriamo nel miglioramento della ripartizione dell'equity, quando invece parliamo di link esterni abbiamo una sola meta: cercare di aumentare al massimo la quantità del flusso di equity.

Ma come si fa a raggiungere questo risultato? Allo scopo è necessario adottare strategie di link building e link baiting tenendo sempre a mente due concetti fondamentali: l'autorevolezza dei siti con cui si vuole stringere un collegamento e l'analisi dei principali aspetti tecnici degli stessi.

Ci sono diversi strumenti che ci aiutano ad analizzare i backlink tra cui, ad esempio, OpenSiteExplorer, Link Explorer di Moz o Ahrefs.

Alcune considerazioni importanti sul link juice

Adesso che abbiamo certamente imparato qualcosa in più sull'importanza del link juice in ottica SEO è fondamentale concentrarci su alcune considerazioni in merito. Seguendole saremo certi di applicare le giuste strategie senza rischiare che le stesse si trasformino in una vera e propria arma a doppio taglio.

- Gli usi deprecati dei NoFollow
Diversi anni fa, in ottica SEO e, soprattutto, in termini di link juice, si riusciva a manipolarne la distribuzione mediante il cosiddetto nofollow. Era questa la pratica che, ai tempi, era nota come link sculpting. Adesso non è più consentito fare link sculpting dal momento che Google, odiando chi cerca di farsi spazio sul web manipolando i risultati, ha aggiornato i propri algoritmi in modo da rendere impossibili pratiche di questo tipo. Per un buon posizionamento in SERP, invece, è meglio concentrarsi, come più volte ribadito, sulla qualità dei contenuti del nostro sito web che possano davvero essere utili agli utenti. Il nofollow, comunque, ha subìto diversi cambiamenti nel tempo. Utilizzalo in maniera sconsiderata può portare a dissipare il link juice con i risultati negativi che ne conseguono.

- La funzione degli errori 404 nel link juice
Sono diverse, nei vari siti internet, le pagine che restituiscono al momento della ricerca un errore 404. Appare più che lecito, dunque, chiederci se pure queste pagine riescono a passare link juice. I cosiddetti link rotti sono quelli che portano a pagine non più raggiungibili. Nulla vieta di effettuarvi collegamenti ma si tratta di una pratica errata. L'esperienza dell'utente che si ritrova in una pagina praticamente priva di contenuti cala drasticamente ed anche l'eventuale link juice viene disperso in maniera del tutto inutile facendo calare l'autorevolezza del nostro sito.

- I contenuti "doppi"
Cosa avviene, invece, quando ci troviamo dinnanzi a contenuti duplicati? Partiamo, anche in questo caso, dal principio che anche contenuti di questo tipo contribuiscono negativamente al link juice del nostro sito. Avere due pagine, con due url diversi che, però, rimandano al medesimo contenuto non è piacevole per i motori di ricerca che non sanno quale tra i due, eventualmente, scegliere per il posizionamento del sito.
Il consiglio migliore, in questo caso, è quello di procedere con la risoluzione del problema ad esempio utilizzando il redirect 301.

- Il Disavow, un utile strumento di controllo
In termini di link juice e di controllo, in generale, dei link presenti sul nostro sito può capitare di imbatterci in un termine nuovo, il disavow. Di cosa si tratta? È uno strumento SEO che ci permette di disfarci dei link in ingresso che consideriamo spam che sono, dunque, poco raccomandabili e non apportano alcun valore al nostro sito. Facciamo un esempio pratico. Un sito ritenuto spam effettua un collegamento verso un articolo che abbiamo scritto possiamo difenderci dalla cattiva reputazione che questo collegamento ci porta. Per farlo utilizzeramo, per l'appunto, il disavow con cui comunichiamo la situazione direttamente a Google che provvederà, giustamente, a rimuovere tutti i collegamenti indesiderati dal nostro sito.

Contattaci per maggiori informazioni sul link juice

Contatti


Piazza Buccari 30/a, 37141 Verona info@doweb.srl

DOWEB Numero Verde

La nostra web agency crea siti internet nelle province di Verona, Vicenza, Mantova, Brescia, Trento e province limitrofi.

Per visualizzare la mappa attiva i cookie di terze parti (clicca su cookie in basso a sinistra).

Richiedi informazioni

Inviaci un messaggio con la tua richiesta, rispondiamo entro un giorno.

Cookie