Web Agency DOWEB
DOWEB Numero Verde

Ufficio

Piazza Buccari 30/a, 37141 Verona

Scritto in data
venerdì 29 maggio 2020
Tempo per la lettura
5 minuti
Condividi

L'emergenza Covid-19 è stata tanto sanitaria quanto economica. Le aziende hanno sofferto molto, i negozi hanno visto calare le vendite. In tutto ciò ad emergere sono stati gli eCommerce. Vediamo i numeri di quest'impennata e quali sono le prospettive per l'immediato futuro.

L'impatto che il Coronavirus ha avuto sull'economia mondiale è stato tra i più forti mai visti nella storia. Tantissimi italiani (e non soltanto) hanno iniziato ad effettuare degli acquisti online anche se non lo avevano mai fatto prima andando a superare, così, lo scetticismo legato a quest'argomento e constatando di persona che il cosiddetto eCommerce non solo è molto comodo ma funziona davvero.

Dal 2015 allo scorso anno, dobbiamo dirlo, l'eCommerce è cresciuto nel Bel Paese raddoppiando la sua valenza anche se gli addetti ai lavori hanno sempre saputo che si sarebbero potuti tranquillamente sostenere ritmi più alti. E il Covid-19 è stata l'occasione per verificarlo sebbene tutti avremmo preferito che questo spunto arrivasse da ben altro che da una pandemia mondiale.


Creare un eCommerce ai tempi del Covid-19

Chi non lo ha ancora fatto perché un po' riluttante o spaventato da non si sa quale fantasma, deve superare tutto questo e gettarsi in questa nuova avventura. Come vedremo più in là in questo articolo, l'emergenza Covid-19 che ci ha costretti tutti a casa e ci ha impedito di vivere la vita normalmente, ha cambiato del tutto le nostre abitudini. E tra queste ci sono anche le abitudini legate agli acquisti e alle vendite. Chi non comprava online si è trovato costretto a farlo. Chi non vendeva online ha dovuto organizzarsi, alla meno peggio, per farlo nel più breve tempo possibile.

E chi non l'ha fatto? I dati parlano da soli: ci riferiamo alle perdite ingentissime legate ad un afflusso di clienti e, quindi, di transazione quasi pari allo zero. Questo, da solo, basta per comprendere perché oggi, allo stato attuale, essere presenti con il proprio brand o, semplicemente, con il proprio negozio è importantissimo. In Doweb realizziamo siti eCommerce sviluppandoli esattamente sulle esigenze dei clienti per cui non esitate a contattarci per tutte le informazioni in merito per ottenere un eCommerce che vi riporti sulla cresta dell'onda e non vi tagli fuori dal settore.

Quali sono stati i trend? Quali i settori di eCommerce che hanno battuto i record? Vediamo insieme i dettagli in termini di percentuale.


La crescita esponenziale dell'eCommerce

Sin dal primo momento in cui è esplosa l'epidemia, si è registrata una notevole diminuzione nel numero delle persone che si recavano fuori casa per fare la spesa. Che fosse per le limitazioni agli spostamenti o per un sentimento di incontrollata paura, la percentuale di coloro che hanno fatto acquisti nei negozi tradizionali si è abbassata, tra marzo e aprile 2020, del 42% circa.

Al contrario la vendita a distanza e, quindi, il settore dell'eCommerce ha registrato un incremento importante che, rispetto allo stesso periodo del 2019, si è assestato sul +119% di media anche se i settori più in crescita hanno anche superato il +215%.

Per quanto concerne i marketplace, Amazon ha registrato un incremento del 38% sulle sue transazioni. Può sembrare poco ma considerati i livelli su cui lavora questo colosso nel settore eCommerce è un ottimo traguardo.


Contattateci per ulteriori informazioni


Il comportamento d'acquisto durante il Covid-19

Dato per certo che la vendita a distanza ha avuto una crescita esponenziale, quali sono stati i comportamenti d'acquisto dei clienti durante il periodo legato all'emergenza? In linea di massima si può dire che tutti gli acquisti effettuati negli ultimi mesi sono stati mirati a quella che era l'esigenza principale del momento: quella di dover rimanere a casa. Quali, dunque, i prodotti più venduti? In base agli ultimi dati emersi, tra febbraio e aprile 2020, i prodotti che hanno avuto il maggior boom nelle vendite sono state le mascherine che hanno registrato, addirittura, un +12.558%. Incrementi notevoli anche per la spesa online (prodotti tipici da supermercato tra cui l'hanno fatta da padroni gli alimentari e i prodotti per la pulizia della persona e della casa) con un +5.437% e tutto ciò che serve per fare sport in casa (+1.054%).

Tra gli alimentari, i prodotti a lunga conservazione sono stati i più acquistati. Parliamo del tonno in scatole (+700%), della birra (+422%), dell'acqua (+203%). Detersivi e igienizzanti hanno avuto una crescita esponenziale anch'essi. La carta igienica ha battuto tutti con un +428% rispetto allo scorso anno. Anche i detersivi in genere sono stati largamente acquistati con vendite di +201%.

I giochi e i passatempi (tanto per adulti che per bambini) sono stati un altro settore dell'eCommerce che ha fatto registrare un vero e proprio boom. A vincere, in questo caso, i puzzle con un incredibile +829%. I giocattoli per bambini e ragazzi hanno avuto risultati simili assestandosi sul +700%.

Quali sono, invece, i settori dell'eCommerce penalizzati dal Covid-19? In perdita sembrano essere tutti i negozi online che si occupavano di prodotti necessari per la nostra vita in mobilità. -48% per i negozi di vendita di borse da viaggio comprese le valigie. Anche gli abiti formali sono in discesa ma sempre in maniera contenuta e mai superiore al -50%. Perdite, dunque, abbastanza contenute per gli eCommerce di questo settore che potranno rifarsi una volta finita la crisi.


L'eCommerce, boom da lockdown

Il 2020 sarà un anno da ricordare per l'eCommerce per il quale si stimano crescite che sfioreranno il 55% nel corso dell'intero anno. Boom dovuto proprio al lockdown in cui si sono registrati oltre 2 milioni di nuovi acquirenti online nel solo Bel Paese. Se poi pensiamo che oltre 1,3 milioni lo sono diventati nel periodo del lockdown possiamo comprendere meglio la portata del fenomeno. Oggi in Italia sono in 29 milioni ad effettuare acquisti online. A gennaio 2020, invece, erano 27 milioni. Considerato che nel 2019 i nuovi utenti erano 700 mila, nel 2020 il numero si è praticamente triplicato.

Abbiamo anticipato, inoltre, come le prospettive per l'eCommerce nel 2020 siano molto più che rosee. Le statistiche parlano di una crescita che arriverà al 55% trainando in toto l'economia a livello mondiale. La crisi legata al Covid-19 hanno modificato tutte le nostre abitudini. Le consegne a domicilio di cibo cresceranno anch'esse in maniera molto esponenziale in questo 2020. Oltre alle consegne a domicilio aumenterà anche il Click and Collect, ovvero l'opportunità di acquistare online e ritirare, poi, fisicamente nei negozi in cui si è fatto l'acquisto. Il settore parla, addirittura, di un +350%.

E che dire dell'eCommerce di prossimità? Anche questo è cresciuto in maniera davvero notevole. Ma di cosa si tratta? Semplicemente dei vari negozi di paese che si sono organizzati per poter vendere online i propri prodotti per sopperire all'impossibilità di ricevere i clienti nel proprio negozio.


Contattateci per ulteriori informazioni sulla realizzazione di un eCommerce


Ecommerce, come comportarsi durante e dopo l'emergenza

Per ottenere il massimo anche in questo periodo molto complicato, è importantissimo che gli eCommerce e, in generale, i negozi, si adeguino alle esigenze dei propri clienti. Agire per cercare di incrementare le vendite digitali è fondamentale per non farsi fermare e rimanere in corsa. D'altra parte, una delle eredità di questa situazione emergenziale sarà l'avere maggiori considerazioni del ruolo degli eCommerce da parte del consumatore e anche di ogni singola azienda che, affrontando contesti fino a questo momento sconosciuti, ha dovuto trovare qualche nuova strategia commerciale in grado di limitare l'impatto del lockdown.

Gli spostamenti verso l'eCommerce sono stati inevitabili, così come vi sono stati cali di vendite nei negozi tradizionali, il digital commerce ha subìto una notevole crescita. L'emergenza, dapprima sanitaria e poi anche economica, che ha coinvolto il mondo intero si è ripercossa su tutti i settori, chi più chi meno, senza risparmiare proprio nessuno. E proprio per questo motivo è stato importante riorganizzare ogni processo cercando di sviluppare nuove strategie digital, promuovendo i propri prodotti sul web e cercando di adattare quanto più possibile la propria merce alle nuove necessità del consumatore finale.

Ma come procedere per aumentare le vendite in questo momento particolarmente delicato? Abbiamo pensato ad una serie di consigli che tutti gli eCommerce possono attuare per cercare di limitare, quanto più possibile, i danni dell'emergenza.

  • Cerchiamo di colmare i divari tra il settore comunicativo e quello della vendita. Comunichiamo digital con la clientela rassicurandola sul fatto che potrà sempre ordinare con un semplicissimo click. Utilizziamo qualunque metodo di comunicazione che la tecnologia ci offre. Potremmo farlo via email, per telefono o sfruttando la chat di WhatsApp o, ancora, i social. Insomma, non vi sono limiti!
  • Convertiamoci il più possibile dalla distribuzione fisica verso l'eCommerce cercando di farlo rapidamente e più su larga scala possibile.
  • Lanciamo il nostro eCommerce promuovendolo e raccogliendo gli ordini nella maniera più ordinata possibile. Vietato fare errori in questo senso! Evadere correttamente gli ordini, difatti, è un ambito cruciale per cui massima attenzione ai servizi di consegna e un occhio di riguardo ai rapporti con tutti i fornitori.
  • Riorganizziamo le nostre linee di prodotti identificando le categorie che, in questo momento, vengono maggiormente richieste. Spostare il nostro focus, almeno in questo momento di emergenza, da quello che è il nostro prodotto principale verso uno più richiesto è una scelta di sicuro successo. Pensiamo, in questo, a grandi aziende di moda (come Armani) che si sono convertiti (così si dice) alla produzione di mascherine e camici, prodotti molto più richiesti rispetto agli abiti. E che dire, poi, di Campari che si è convertita alla produzione di prodotti alcolici per la dinsifezione delle mani? Cerchiamo di prendere esempio perché è un esempio che funziona e che sta dando una mano non di poco conto a tutto il paese ad affrontare la pandemia.
Comportamenti, questi, da mantenere il più a lungo possibile. Anche quando l'emergenza sarà passata, accostare al negozio tradizionale anche un eCommerce continuerà a rimanere una scelta vincente. Gli italiani hanno iniziato ad acquistare con più fiducia sul web. Anche chi era più scettico ha scelto questa strada rimanendone piacevolmente stupito e dichiarato che anche tornati alla normalità non abbandonerà la possibilità di acquistare comodamente da casa.


Concludendo..

Le previsioni, poi, parlano abbastanza chiaramente. Nel 2020 il settore dell'eCommerce è destinato ad un'impennata storica e tutte le aziende, piccole e grandi, dovrebbero approfittarne il più possibile per risollevare le sorti di un'economia in picchiata. In Doweb siamo specializzati nella realizzazione di siti internet e gli eCommerce non fanno eccezione. Siamo, pertanto, in grado di assistere i nostri clienti in ogni passaggio, dalla progettazione alla pubblicazione del sito. L'utilizzo di una piattaforma proprietaria e il pieno rispetto delle norme in ambito europeo chiudono il quadro per un lavoro a regola d'arte che consentirà a tutti i nostri clienti di gettarsi nella mischia degli eCommerce e recuperare, quanto più possibile, le perdite legate all'emergenza.


Per ulteriori informazioni contattateci

Contatti


Piazza Buccari 30/a, 37141 Verona info@doweb.srl

DOWEB Numero Verde

La nostra web agency crea siti internet nelle province di Verona, Vicenza, Mantova, Brescia, Trento e province limitrofi.

Per visualizzare la mappa attiva i cookie di terze parti (clicca su cookie in basso a sinistra).

Richiedi informazioni

Inviaci un messaggio con la tua richiesta, rispondiamo entro un giorno.

Cookie